You are here

CASA SOSTENIBILE

La CASA SOSTENIBILE si pone come strumento per l'avanzamento della ricerca nell'ambito degli "Edifici intelligenti" (Smart Building) e perciò come un laboratorio vivente a tutto tondo. Ha una superficie interna di circa 32 metri quadrati ed è dotata di sistema energetico integrato solare-biomassa. Il laboratorio è orientato a testare, anche congiuntamente, tecnologie energetiche e ICT innovative in un ambiente reale.

L'edificio è stato progettato e realizzato grazie ad un progetto congiunto da FBK, MIT di Boston e CNR Ivalsa allo scopo di affrontare le tematiche legate a quattro obiettivi principali:

  • Architettura sostenibile: implementazione di un'architettura viva e specializzata che dà corpo a particolari principi di sostenibilità, integrato nel paesaggio in modo efficiente ed elegante;
  • Sistema energetico intelligente: utilizzo di fonti naturali e rinnovabili per l'approvvigionamento energetico della casa, come i pannelli solari (termica e fotovoltaica), ritenzione dell'acqua piovana, la biomassa e mulini a vento, la mitigazione delle fonti intermittenti attraverso l'uso di sistemi per l'accumulo di energia termica e/o elettrica;
  • Tecnologie dell'informazione e della comunicazione: integrazione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione per creare un sistema reattivo tra gli utenti, l'architettura e sistemi di controllo energetici;
  • Sostenibilità sociale: l'integrazione della casa e dell'individuo con la comunità, con particolare attenzione agli aspetti legati alla sostenibiilità sociale ed economica su scala locale.

L'unità di ricerca ARES ha sviluppato e integrato nella struttura una tecnologia ibrida in grado di fornire energia elettrica e termica per il riscaldamento, il raffreddamento e l'acqua sanitaria. Il sistema energetico è basato sulle fonti rinnovabili come l'energia solare e la biomassa. La radiazione solare viene convertita tramite collettori solari in moduli energetici termici e fotovoltaici in energia elettrica. Una caldaia a biomassa cogenera energia elettrica e termica mediante l'integrazione di un motore Stirling. Un sistema di accumulo di energia, basato su micro zeoliti porosi - materiale simile e reazioni di adsorbimento e desorbimento, integrato nel sistema assolve principalmente alla necessità di raffreddamento durante la stagione calda. L'approccio integrato ha permeso di ridurre la richiesta di energia dalle reti di distribuzione (gas naturale, energia elettrica), aumentato l'efficienza complessiva del sistema.

Responsabili: 
Luigi Crema, Guido Cicolini